PAESAGGI MIGRANTI

Paesaggi migranti

Paesaggi Migranti è un progetto culturale che promuove azioni di ricerca, valorizzazione e comunicazione che riguardano il paesaggio.

Interviene su uno spazio pubblico affinché diventi luogo capace di comunicare gli aspetti salienti del paesaggio circostante, progettando e realizzando oggetti, installazioni, percorsi e sviluppando modalità di comunicazione attive e performative. Il progetto si basa sul coinvolgimento della comunità locale (associazioni, scuole, istituzioni) e sull’apertura verso un contesto internazionale.

Nello specifico, il tema del progetto sono le “montagne naviganti” - quelle rocce giunte in quest’area  milioni di anni fa, navigando su antichi fondali marini e che, per Paesaggi Migranti, diventano metafora della natura trasformativa del mondo. Queste rocce sono la caratteristica geologica dell’area e hanno avuto un ruolo fondamentale nella definizione del millenario rapporto tra uomo e natura che caratterizza questa parte di Italia.

 -

Paesaggi Migranti è promosso da un gruppo informale di architetti, designer, artisti ed educatori attivi in diverse parti d’Europa, che hanno fatto di Pennabilli la loro base operativa e il centro della ricerca. Nasce nel 2015 grazie alla collaborazione con il Musss, Museo naturalistico e Centro di Educazione Ambientale e alla sostenibilità di Pennabilli, MEDS, Meeting Europeo of Design Students (www.meds-workshop.com) Artisti in Piazza - Festival internazionale di arti performative di Pennabilli (www.artistiinpiazza.com) e Pro Loco Pennabilli (www.pennabilliturismo.it).

-
Nel 2016, 4 azioni per fare esperienza del paesaggio, sono state proposte al pubblico del festival Artisti in Piazza:  una camera oscura, realizzata grazie ad una call internazionale che ha visto vincitore il progetto di Valentina Merz e Lara Monacelli, una passeggiata notturna a cura del Musss, una performance sonora a cura di Emiliano Battistini e un workshop di racconto, rivolto a bambini e adulti. 

L’edizione 2017 prevede l’intervento presso il Parco Begni, un’area di 6 ettari situata tra il centro del paese, la scuola locale e i musei - e una delle aree più affollate durante il festival. 4 artisti in residenza, selezionati tramite call, progetteranno altrettanti percorsi laboratoriali che coinvolgeranno 20 studenti in workshop di architettura, land art, artigianato, performance, comunicazione.  


www.paesaggimigranti-17.com

Ecco il programma di Paesaggi Migranti

Siamo pronti per il festival! Vedere, Ascoltare, Attraversare, Raccontare. 
Queste sono le azioni elementari che proponiamo per fare esperienza di paesaggio. 

La camera obscura è montata sulla cima del Roccione, ogni giorno. 
Una performance sonora ci farà ascoltare voci e suoni della vallata. 
Una escursione notturna ci porterà tra torrenti, boschi, piccoli borghi. 
Un workshop di narrazione - facilitato dall'uso di immagini - ci porterà a costruire una storia sulle nostre montagne naviganti. 

Dall'1 al 5 giugno, Pennabilli, Festival Artisti in Piazza. 

 

Siamo sul Roccione e tutto va bene!

Seguite le attività, gli aggiornamenti, i risultati sulla nostra pagina Facebook

 

 

Il festival sta per iniziare

e a Pennabilli si sta costruendo una camera obscura!

 

 

 

 

Il progetto vincitore della call

Valentina Merz e Lara Monacelli hanno vinto la call. 
35 progetti da 10 paesi europei! Date un occhio a quelli selezionati qui

 

 

 

 

Open call for camera obscura

Progetta la tua camera obscura e partecipa al progetto!
Tutti i dettagli qui: www.paesaggimigranti.com/open-call

 

 

 

 

Un paesaggio che si muove

A seguito di esplorazioni, incontri, approfondimenti, si è deciso di focalizzare l’attenzione su un tema specifico, comune e inequivocabile, fondamento della della storia di questo territorio e capace di evocare storie, immagini, concetti: la “Colata ligure”, chiamata anche “Colata della Valmarecchia”. 
Continua a leggere su: www.paesaggimigranti.com

 

 

E' online il sito!

E la pagina facebook dedicata al progetto. 
Seguiteci su www.facebook.com/Paesaggi-migranti e su www.paesaggimigranti.com






Il gruppo di lavoro

Chiara Amatori, Stella Armeli, Clelia Bartolomei, Emiliano Battistini, Sara Bettoli, Riccardo Maroso, Vincenzo Meoli, Artur Miller, Giacomo Moretti, Marina Rondini, Federica Rosati, Roberto Sartor Vittorio Solleciti, Michele Tenzon, Irene Valenti. 






Incontrare

26-30 dicembre 2015

Incontrare le persone che vivono i luoghi, chiedere loro informazioni e suggestioni,
raccogliere immagini, mappe, documenti per dare il via ad una mappatura di valori e criticità del territorio. 

 

Il primo passo è percorrere, attraversare

22 novembre  2015

Il camminare come primo strumento di conoscenza e trasformazione dello spazio attraversato: è così che diamo il via ad un progetto di ricerca che coinvolge giovani architetti e non solo in un processo graduale di lettura e mappatura dei valori e delle criticità del territorio.